IN EVIDENZA - Ultimi video inseriti

Aree interne, consiglio regionale congiunto tra Abruzzo e Molise

TRIVENTO - "Rompere gli schemi per creare il nostro futuro", ultimo degli undici Quaderni della solidarietà, è stato presentato a Trivento sabato 6 dicembre con la presenza di Paolo di Laura Frattura e Luciano D'Alfonso, rispettivamente presidenti della giunta regionale del Molise e dell'Abruzzo, alla presenza di un pubblico numerosissimo costituito in gran parte da sindaci ed esponenti del mondo culturale, con lo scopo di mettere subito questo strumento a disposizione delle classi dirigenti per dare sostanza ad un'iniziativa sociale e politica capace di aiutare a costruire speranza per popolazioni in attesa da anni che la propria esistenza possa acquistare sicurezza e dignità.

Le difficoltà che da sempre attanagliano il territorio delle aree interne dell'Abruzzo e del Molise, su cui insiste la Diocesi di Trivento, sono da anni attentamente monitorate, indagate, studiate e divulgate dalla Caritas Diocesana di Trivento diretta da don Alberto Conti, un sacerdote che, come scrive don Luigi Ciotti nella prefazione al libro che presentiamo, "sa guardare il Cielo senza distrarsi dalle responsabilità della Terra".

Alberto Conti, sostenuto come sempre dal proprio vescovo nella persona dell'amatissimo Mons. Domenico Angelo Scotti, continua oggi con il nuovo quaderno della solidarietà a promuovere, con l'aiuto di attenti collaboratori, la riflessione per costruire il futuro del territorio nel quale tutti noi viviamo e che perciò dovrebbe vederci coinvolti in prima persona nell'impegno a delineare le vie e le strategie capaci di rimuovere come scrive proprio don Alberto "i segni del declino e della periferizzazione delle nostre terre".

CONTINUA LA LETTURA

Commento di Pasquale Di Lena sull'incontro del 6 dicembre a Trivento

Trivento ieri sera, alta sul corso del Trigno che sfiora il Santuario della Madonna del Canneto, per seguire la presentazione di un bel libro “ Rompere gli schemi per creare il nostro futuro”, promosso da Don Alberto Conti.

Un prete, che io ho sempre stimato per il suo coraggio e la sua lucidità di pensiero, oggi parroco in un paesetto di fronte a Trivento, oltre il Trigno, Castelguidone, dove, grazie anche alla sua responsabilità della Caritas diocesana, continua la battaglia contro i mali che colpiscono gli uomini, soprattutto l’identità espressa dai territori di appartenenza, senza perdere, però, la speranza.

Anzi, indicando la strada, quando dice “Rompere gli schemi… a partire dalle Regioni Abruzzo e Molise che in questo hanno il ruolo più importante … ponendo al centro delle priorità il lavoro, la cui creazione dovrà essere il parametro sul quale considerare il valore dei progetti e delle iniziative. Dobbiamo essere pronti, in una parola, a vivere un’epoca in cui il mondo torni con la testa sulle spalle, a guardare le cose per quelle che sono e non come la distorsione ottica della nostra società vorrebbe farci vedere … C’è necessità di studio, di indagine sociale, di ascolto libero da pregiudizio nella consapevolezza che per le nostre comunità la possibilità di cambiare rotta dipende prima di tutto dalla capacità che ognuno di noi ha di portare il proprio contributo di opere e intelligenza per un progetto nuovo di sviluppo che sappia coniugare le nostre tradizioni, le specificità economiche, sociali e culturali del nostro territorio con il futuro”.

LEGGI TUTTO

Rompere gli schemi per creare il nostro futuro

Scarica gratuitamente il quaderno della Scuola di Formazione "Paolo Borsellino":

Rompere gli schemi per creare il nostro futuro
Analisi, ragionamenti, proposte per la rinascita del territorio della Diocesi di Trivento

Presentazione libro "Rompere gli schemi per creare il nostro fututo"

XXXIV DOMENICA: SOLENNITA` DI CRISTO RE

Ezechiele 34,11-12.15-17
1 Corinti 15,20-26a.28
Matteo 25,31-46


Niente infatti ha l`uomo di così divino, quanto il meritare bene dagli altri: sebbene quello (Dio) conferisca maggiori benefici, e questo (l`uomo) minori, l`uno e l`altro, io credo, in ragione delle proprie forze. Quegli formò l`uomo, e di nuovo lo raccoglie una volta che si sia dissolto: tu non disprezzare il caduto. Egli ne ha avuto compassione nelle cose di ben altro peso, quando a lui dette, oltre al resto, la Legge, i profeti e ancor prima la legge naturale non scritta, censore delle cose che vengono fatte, riprendendo, ammonendo, castigando; infine, donando se stesso per la redenzione del mondo...

Leggi tutto: XXXIV DOMENICA: SOLENNITA` DI CRISTO RE

Lettera per l'Avvento

DIOCESI DI TRIVENTO
CARITAS DIOCESANA
sede legale: P.zza Cattedrale, 15 - 86029 TRIVENTO (CB) sede operativa: C.so Umberto I, 4 66040 CASTELGUIDONE (CH) - cf: 92014080706 – TEL 0873.977147
Cassa di Risparmio CariChieti - AGENZIA Schiavi di Abruzzo - IBAN IT27 H060 5077 880C C063 0015 124
CCP 10431864 – IBAN IT51 G076 0115 5000 0001 0431 864

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Trivento, 18 novembre 2014

Ai PARROCI
Alle RELIGIOSE
Agli UOMINI di BUONA VOLONTA'

AVVENTO – NATALE 2014
IMPEGNO e RESPONSABILITA'

Carissimi,

questa è la lettera più difficile e sofferta che scrivo per il tempo liturgico dell'Avvento che ci prepara al Natale di Gesù Cristo.

Alla crisi economica e sociale che raggiunge ormai la gran parte degli uomini e donne del nostro tempo si aggiunge la mancanza di speranza che sta portando tutti, compresi noi cristiani, al disimpegno, al disinteresse, ad una deresponsabilizzazione di fronte alla profanazione dei diritti fondamentali della persona umana.

Mai come in questo momento è forte la sensazione dell'impotenza e della rassegnazione di fronte alla distruzione dello stato sociale, che è stato nel secolo passato il risultato dell'incontro tra i valori e le esperienze della nostra fede e la lotta per la giustizia condotta dai movimenti ispirati al riscatto morale e materiale degli uomini e delle società.

Oggi le ingiustizie scandalose che segnano la società avviliscono gli uomini e li mettono gli uni contro gli altri: è l'effetto più macroscopico della negazione dei diritti e della tutela dei più deboli da parte degli Stati.

Leggi tutto: Lettera per l'Avvento

30 Domenica A

Es 22,20-26
Sal 17
1 Ts 1,5c-10
Mt 22, 34-40
 
Ogni volta che ci si avvicina alla conclusione di qualcosa, nasce il desiderio di una sorta di sintesi che lasci trasparire solo ciò che è talmente importante da non poter andare perduto.
Questo vale anche per l’anno liturgico. La liturgia della Parola che ci accompagna lungo tutto il corso dell’anno è come un invito pressante e costante a seguire le orme di Colui che può donarci la vita. E, come ogni cammino, anche quello liturgico è fatto di inviti, cadute, chiamate, conferme e slanci, desideri e suppliche.

Leggi tutto: 30 Domenica A

Pagina 8 di 32

Omelie di Papa Francesco

Le omelie di Papa Francesco della Messa che ogni mattina celebra nella Domus Santa Marta.
Papa Francesco

Quattro risate

risate21112014

Nella bacheca di una chiesa si legge questo avviso: Care signore non dimenticate la vendita di beneficenza! E' un buon modo di liberavi di quelle cose inutili che vi ingombrano la casa. Portate anche i vostri mariti.

Parole di speranza

Occorrono uomini e donne che sappiano unire ad una sana ispirazione cristiana una sicura preparazione professionale alla politica. Non possiamo essere solo la coscienza critica che grida e si lamenta, dobbiamo impegnarci e agire nei campi sociali, politici e culturali; entrare nelle associazioni e negli organismi democratici e rappresentativi e dare il nostro contributo di pensiero e di azione in difesa dei diritti di tutti, ma specialmente della dignità e della libertà della donna e del bambino, dell’anziano, del debole e dell’ammalato.

Albino Luciani (Giovanni Paolo I)

Bacheca Parrocchiale


Anno pastorale 2014

Orario Sante Messe

Festivo:
ore 9:00, ore 11:00

Feriale: ore 17:45

Ogni primo giovedi del mese:
ore 16:45 S. Messa e Adorazione Eucaristica, ore 17:45 Rosario

Ogni mercoledi:
ore 21:00 Lectio Divina

Cerca un Sito Cattolico

Area riservata



Joomla templates by Joomlashine